giovedì 3 marzo 2011

Il tuo sorriso


Io sto cercando
ascoltando l’aria
qualcosa che riporti il tuo sorriso
alle mie tempie
mai stanche di ascoltarlo


suona come un violino ben suonato
il tuo sorriso docile e spontaneo
e vedo, anche se non le vedo,
le morbide curve delle labbra
che s’aprono sui denti immacolati

Ora che piove sarebbe primavera
Poterle udire
Sarebbe come un sole,
un piccolo sole,
sorto all’improvviso
il tuo sorriso
che sa di sale e mare

Nessun commento:

BENVENUTO
....a te lettore che passi, ricorda che le parole resteranno e ti sopravviveranno, perciò pesale.